• Gsco_

Il potere della Pet therapy

La pet-therapy è un termine anglosassone che si riferisce alla cura attraverso gli animali.

Questo tipo di terapia si affianca di solito alla terapia standard quando il paziente non è collaborativo. Attraverso l’animale viene stabilito un legame emotivo che favorisce il canale di comunicazione paziente-animale-medico.

Lo stretto rapporto che intercorre fra uomo e animale ha radici antiche. La pet therapy vede i suoi albori già nell’Ottocento; nel 1792 in Inghilterra, presso il York Retreat Hospital, lo psicologo William Tuke incitò i pazienti malati mentali a interagire e a prendersi cura di piccoli animali.



Prendersi cura di un animale può calmare l’ansia, può trasmettere calore affettivo e aiutare a superare lo stress e la depressione.

Inoltre, è stato studiato e confermato da numerose ricerche scientificamente fondate, pubblicate da riviste mediche tra le più accreditate che il rapporto con gli animali può portare a: un aumento del tasso di sopravvivenza nei pazienti ricoverati con disturbi cardiaci; abbassamento della pressione sanguigna e della frequenza delle pulsazioni; calo dei valori del colesterolo nei pazienti di sesso maschile; riduzione nella percezione di problemi di salute minori e miglioramento della qualità della vita; decrescita delle spese per i farmaci; riduzione delle sensazioni di solitudine, depressione e paura; aumento dell'autostima, in particolar modo nei bambini. Infatti Interagire con un animale accarezzandolo, giocandoci insieme, coccolandolo, portandolo a spasso, genera una sensazione di benessere generale in seguito al sollecitamento di un comportamento di cura e di attenzione, che impegna le risorse della persona in maniera costruttiva.

129 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Glossario dei termini tecnici del “Report from the Commission to the European Parliament and Council on the implementation of the Eu Strategy on adaptation to climate change”