• Gsco_

Referendum 2020 sul taglio dei parlamentari

Il 20 e il 21 settembre in Italia si voterà per il referendum costituzionale confermativo relativo alla riduzione dei parlamentari e per le elezioni suppletive del Senato della Repubblica per le regionali e le comunali. Ma per cosa si andrà a votare esattamente?

Il referendum propone di tagliare il numero dei deputati e dei senatori che da 630 passeranno a 400 alla Camera e da 315 a 200 al Senato. I sostenitori del "sì" sono spinti dalle seguenti motivazioni: l'Italia è il paese con il più alto numero di onorevoli, un eventuale taglio gioverebbe un risparmio di 100 milioni di euro, inoltre snellendo in questo modo Camera e Senato incrementerebbe l'efficienza in termini burocratici.

I sostenitori del "no" temono una eventuale perdita di rappresentanza soprattutto nei riguardi delle regioni e dei partiti più piccoli. Inoltre viene sostenuto che il risparmio totale, che ammonterebbe a circa lo 0,007% della spesa pubblica non basterebbe a giustificare il taglio della rappresentanza parlamentare del 36%.


Insomma, la scelta è ardua, soprattutto per chi non è così avvezzo di politica, spero che questa piccola guida vi sia stata utile; informatevi più che potete e votate in maniera consapevole.


68 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Glossario dei termini tecnici del “Report from the Commission to the European Parliament and Council on the implementation of the Eu Strategy on adaptation to climate change”